Adempimenti SISTRI news | Gestione dei Rifiuti

Adempimenti Sistri news  Gestione dei Rifiuti.jpg

Adempimenti SISTRI news | Gestione dei Rifiuti

Ecco  i punti fondamentali nella gestione dei rifiuti inerenti agli adempimenti SISTRI per le imprese

Quali sono i soggetti coinvolti negli adempimenti SISTRI?

Nel decreto leg. n 152 del 3 aprile 2006, all’articolo 188-ter, comma 1, si dichiara che gli adempimenti SISTRI sono previsti per:

  • le imprese e gli enti che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi, siano essi prodotti da loro stessi come previsto dall’Albo Nazionale Gestori Ambientali o prodotti da terzi a titolo professionale
  • armatori o noleggiatori nel trasporto navale, compreso il raccomandatario marittimo previsto dalla legge n 135 del 4 aprile 1977
  • le imprese concessionarie dell’area portuale dove avviene affidato il carico in attesa di sbarco o imbarco
  • i responsabili della logistica di interporti, stazioni ferroviarie e scali merci ove avvengano trasporti intermodali tra una impresa e l’altra.

 

Quale modulistica SISTRI rifiuti necessaria?

Tra le informazioni obbligatorie da comunicare da parte degli operatori iscritti al SISTRI,  compilate entro 10 giorni lavorativi dal momento in cui vengono prodotti (prima di essere movimentati) devono essere specificate le caratteristiche qualitative dei rifiuti e le quantità, utilizzando le schede modulistica SISTRI quali

  • Area Registro Cronologico
  • Area Movimentazione

I produttori non iscritti al registro invece delegheranno all’impresa di trasporto tutte le informazioni utili, i quali provvederanno a completare le schede previste.

 

SISTRI sanzioni amministrative

Esclusa la gestione rifiuti pericolosi, qualora non venissero rispettate le norme previste per colpa di ritardi nella compilazione (o peggio ancora non compilandole o omettendo dati) sono previste sanzioni amministrative da 2.600 a 15.500 euro a seconda delle dimensioni dell’impresa. Pene ‘più leggere’ se le informazioni non pregiudicano la tracciabilità dei rifiuti.

Nei casi dei rifiuti pericolosi le multe invece si inaspriscono: dai 15.500 ai 93.000 euro come sanzioni amministrative pecuniarie ed accessorie, oltre a possibili sospensioni nelle cariche dei responsabili del caso.

Anche chi si occupa di trasporto rifiuti incorre in multe pesanti se non conformi con le norme previste: dai 1.600 ai 9.300 euro più la gravante del falso atto pubblico con reclusione.

Desideri migliorare la tua gestione rifiuti?

Contattaci subito per una consulenza!

 Contattaci

APPROFONDISCI I NOSTRI ARGOMENTI!

  1. Come gestire il servizio raccolta differenziata con un unico software gestione rifiuti?

  2. Come calcolare la Tariffa Puntale Rifiuti senza errori?

  3. E' possibile migliorare la Gestione Ambientale con un software rifiuti?

  4. Come migliorare la raccolta Porta a Porta con un software gestionale rifiuti 4.0

  5. Consulenza nella Progettazione Tariffa Puntuale in 5 punti